24 Settembre 2015

Lacrime di coccodrillo

Appunti, Attività di governo, Diritti, Laicità, Partito Democratico, Politica italiana, Riforme, XVII Legislatura

Il racconto della vicenda unioni civili di oggi è il classico caso di capovolgimento della realtà. Alla conferenza dei capigruppo in Senato, il Partito Democratico ha chiesto con grande determinazione di votare le riforme costituzionali entro l’8 ottobre proprio per lasciare tempo all’aula del Senato di esaminare e approvare la legge sulle unioni civili.

Il presidente Grasso, giustamente preoccupato dal suo punto di vista di portare a casa la riforma costituzionale senza il farsesco macigno degli 85 milioni di emendamenti di Calderoli, e quindi preoccupato di dare tempo alle forze politiche di parlarsi per sciogliere i nodi ancora aperti, insisteva per il 15 ottobre. Ovviamente far slittare il voto finale al 15 ottobre significava chiudere la finestra per portare in aula la legge sulle unioni civili.

E qual è stato l’atteggiamento di M5S e SEL davanti alla proposta del 15? Con buona pace delle unioni civili, lodi sperticate al presidente del Senato, mentre solo Zanda e Boschi provavano a tenere il punto sull’8. Diciamolo chiaramente: SEL e 5Stelle davanti alla possibilità di far slittare la riforma costituzionale, si sono tranquillamente e pacificamente fatti una ragione che le unioni civili non giungessero in aula prima della sessione di bilancio. Salvo poi naturalmente fare grandi lacrime di coccodrillo e chiedere assurde e strumentalissime calendarizzazioni per lunedì prossimo, mentre il provvedimento è ancora in commissione e nemmeno si è deciso di farlo arrivare in aula senza relatore.

Ora si può fare tutta la disinformazione che si vuole, si possono fare grandi drammi nell’aula del Senato ma la verità e che se non ci fosse stato il PD, se non avessero così coraggiosamente tenuto il punto Boschi e Zanda, la piccola finestra che ci è rimasta dopo il 13 ottobre si sarebbe definitivamente chiusa, con la collaborazione attiva e determinante dei grillini e di SEL.

  • Elezioni Regionali Puglia Scalfarotto Presidente

  • Ivan Scalfarotto

    Deputato di Italia Viva e Sottosegretario di Stato al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. È il fondatore di “Parks - Liberi e Uguali”.